HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > home page > notizie
Torna indietro
08-04-2013

Ma siamo sicuri che l'abolizione delle nove Province siciliane farà risparmiare davvero «50 milioni di euro» l'anno ? No, per niente.



Il Presidente della Regione
Rosario Crocetta.

Il paletto è che raggruppino ciascuno 150mila abitanti, e questo permette di ipotizzare 30-35 consorzi, tra cui finalmente anche Gela, che da decenni rivendica una sua Provincia autonoma da Caltanissetta. «Vuol dire - spiega a Il Sussidiario Stelio Mangiameli, professore ordinario di Diritto costituzionale - che al posto delle 9 province avremmo oltre 30 e più presidenti, 30 direttori generali, 30 macchine blu per i presidenti e altrettante per i direttori, 30 sedi invece di 9. I consorzi sono una moltiplicazione dei pani e dei pesci. Con oltre 30 consorzi sa quante persone si sistemano?». E non basta. Chi li elegge i vertici dei Consorzi? Nessuno. A differenza delle Province i cui consiglieri e presidenti vengono eletti, gli amministratori dei consorzi saranno nominati dai Comuni, cioè dalla politica. «Il nostro progetto non prevede gettoni per i presidenti dei consorzi, ma solo dei rimborsi spese» assicura il governatore Crocetta. Ma anche qui è azzardato scommettere sul risparmio, vista l'incredibile fantasia che la politica esibisce quando si tratta di rimborsi spese. Le esperienze siciliane di Consorzi di Comuni, come quelli per a cui è stata affidata la raccolta dei rifiuti, hanno scavato un buco da 900 milioni di euro. C'è poco da stare allegri. Una classica valvola di sfogo per i «trombati» della politica, che potranno trovare in questi consorzi una poltrona di sottogoverno, nominati dagli amici eletti nei Comuni. E i 50 milioni di euro di risparmio previsti da Crocetta? Anche qui i conti danno risultati strani, se è vero che nella legga Salva Italia del governo Monti si prevede, con l'abolizione delle 110 Province italiane, un risparmio di 65 milioni di euro l'anno. Com'è possibile che tagliandone solo 9 se ne risparmino 50? Mistero. Anche perché, ovviamente, tutti i 5.600 dipendenti delle attuali Province siciliane non saranno tagliati, ma ricollocati nei Consorzi dei Comuni, o peggio ancora in Regione. E quindi peseranno sui bilanci degli altri Enti. Il vero Titanic, in Sicilia, è proprio al Regione. Qui si incastra il problemi dei 292 milioni di euro di mutui contratti negli anni dalle Province per rifare le strade eccetera. Una volta aboliti quelli enti, i debiti passeranno alla Regione, che ha già sforato il Patto di stabilità e che dunque non può accollarsi ulteriori impegni di spesa. Un disastro di malagestione. Le ultime cifre della Regione Sicilia parlano da sole, soprattutto se messe a confronto con le Province. I 17.157 dipendenti della Regione (l'11% sono dirigenti) costano a ciascun siciliano 321,33 euro, i 5.600 delle Province quasi un decimo in meno, 39,61 euro. I 206 enti intermedi della Regione Sicilia (consorzi, agenzie e società) sono costate nel 2012 oltre 28 milioni di euro. La spesa totale della Regione Siciliana è (nel 2012) di oltre 9 miliardi di euro, quella delle 9 Province 600 milioni di euro. Sicuri che con l'esercito di «liberi consorzi di Comuni» calerà? I «liberi consorzi di Comuni» (più tre Città metropolitane) che prenderebbero il posto delle Province nei piani del governatore Crocetta Il risparmio in milioni di euro vantato dal governatore. Ma i conti non tornano: eliminando tutte e 110 le Province italiane il risparmio è di 65 milioni I dipendenti pubblici delle 9 Province siciliane: Palermo, Trapani, Catania, Enna, Agrigento, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta e Messina.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Aiutaci a migliorare