HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > attività > notizie
Torna indietro
01-02-2010

Presentato il Concorso - Le cime di Dante -

Si è svolta questa mattina presso la sala degli stemmi la presentazione del Concorso “Le cime di Dante”, rivolto agli studenti della provincia di Siracusa. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato il presidente del Consiglio provinciale, Michele Mangiafico, il presidente del Consiglio del comune capoluogo, Edy Bandiera, la presidente dell’associazione “Dante Alighieri”, comitato di Siracusa, Gioia Pace, il provveditore agli studi, Giuseppe Italia, il vicepresidente dell’associazione “Dante Alighieri”, comitato di Siracusa, Bruno Maltese. La presentazione del concorso è stata introdotta dal presidente del Consiglio provinciale, Michele Mangiafico, che ha detto: “Noi, come Consiglio provinciale, siamo da sempre vicini al mondo della scuola. Da quando ci siamo insediati circa novecento studenti hanno partecipato ai lavori del Consiglio. E proprio per questa nostra apertura verso le nuove generazioni, siamo stati menzionati dalla Commissione europea. La memoria è importante per i nostri studenti è fondamentale la conoscenza delle origini della lingua italiana”. Anche Edy Bandiera ha portato il saluto delle istituzioni e ha sottolineato come il Consiglio comunale sia vicino ai giovani soprattutto con il progetto che sta portando avanti insieme all’Unicef. “Si tratta – ha spiegato la prof. Pace – di un concorso culturale per far conoscere l’opera di Dante, fondatore della lingua italiana. I giovani non conoscono la valenza del verso dantesco. Questo concorso è stato bandito nel mese di novembre 2009 e hanno aderito tutte le scuole della provincia. Ogni scuola seleziona due gruppi di lavoro che dovranno proporre due canti. Una commissione, presieduta da Aldo Formosa li ascolterà e a maggio avrà luogo la premiazione”. Il provveditore agli studi, Giuseppe Italia, ha ringraziato la scuola e le itstituzioni e ha parlato di recupero dell’esercizio della memoria e della capacità di interpretare il pensiero di Dante (da parte dei giovani) attraverso la loro emotività personale. “Il nostro obiettivo – ha concluso Maltese, vive presidente dell’associazione “Dante Alighieri” è quello di promuovere la lingua italiana nel mndo e adesso anche nella scuola”.


tgweb
 
 
 
 
 
Archivio notizie
 
 
 
video