HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > attività > notizie
Torna indietro
20-01-2010

Positiva missione romana sull'accordo di programma della chimica

Si è tenuta stamani a Roma, presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico, la prevista riunione fra lo stesso Ministero e l’Osservatorio Provinciale per la Chimica di Siracusa presieduto dall’On Nicola Bono presidente della provincia di Siracusa. All’ordine del giorno il riavvio del confronto per l’attuazione dell’Accordo di Programma per la Chimica nell’area industriale di Priolo siglato nel dicembre del 2005. Sull’esito dell’incontro il presidente Bono ha dichiarato: “Esprimo un valutazione positiva in ordine all’incontro al ministero per l’attuazione dell’accordo di programma della chimica . Non solo perché oltre ai tecnici incaricati di seguire le vicende dell’accordo ( il Direttore generale per la Programmazione Andrea Bianchi, il Prof Attilio Fiore presidente dell’Osservatorio Nazionale per la Chimica , la Dott.ssa Pinella Aurigemma) è stato presente per la gran parte della giornata anche il sottosegretario allo Sviluppo Economico On .Stefano Saglia , e non solo per dare la valenza politica che merita la vicenda ma anche per rimarcare la nuova attenzione del governo. Un esito positivo a cui si arrivato, dopo un lungo e non sempre sereno dibattito .” “ L’aspetto positivo – ha rimarcato Bono - non è solo quello , quindi, di avere riaperto un canale di diretta comunicazione con il Ministero ai massimi livelli , dopo due anni e mezzo di assenza totale di contatti , ma anche di essere riusciti a dimostrare che la provincia di Siracusa nelle sue articolazioni pubbliche e private in questi anni non è stata con le mani in mano, ma al contrario ha avuto un ruolo consistente per l’attuazione del programma delle parti di competenza. Importante anche l’intervento el sottosegretario Saglia che ha direttive precise su alcuni dei punti più controversi della questione ed in particolare circa una più consona gestione delle aree Syndial destinate alle nuove attività produttive, sia come i segnali dati all’ENI in ordine agli impegni che la stessa deve garantire nei confronti dell’area industriale di Priolo. “ Le conclusioni dell’incontro, raccogliendo in larga misure parte delle richieste avanzate proprio dall’Osservatorio Provinciale della Chimica, sono state sintetizzate alla fine il Prof Fiori : 1) Presa d’atto positiva della ripresa del dialogo diretto 2)Impegno alla attuazione dell’ Accordo di Programma ribadito sia nella lettera che nello spirito dello stesso, per cui il Ministero si riserva di verificare la possibilità di realizzare il bilanciamento del Cracking o, in alternativa, la ricerca di altre soluzioni che consentano in ogni caso il recupero delle mille unità lavorative perdute nel 2005, e il rafforzamento dell’area produttiva di Priolo 3) Conferma dell’impegno di sostenere tutte le nuove iniziative produttive già individuate finora che sono 6 per un totale per di circa 120 posti di lavoro e delle eventuali altre che si dovessero prospettare. 4) Azione attiva da parte del Ministero per agevolare il passaggio delle aree Syndial a prezzi che consentano l’oggettiva competitività delle iniziative produttive 5)Conferma dell’impegno a riconvocare dopo una lunga vacatio il Comitato Paritetico sulla Attivazione dell’Accordo di Programma proprio con lo scopo di istruire i due punti relativi al prezzo delle aree Syndial e ai nuovi possibili investimenti. 6) Conferma del finanziamento di 160 milioni di euro previsti nell’ Accordo di Programma delle scelte produttive verso cui dovrà essere canalizzato Le parti hanno convenuto di rincontrarsi fra due mesi per i fare il punto sullo stato delle iniziative concordate .


tgweb
 
 
 
 
 
Archivio notizie
 
 
 
video