HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > attività > notizie
Torna indietro
11-11-2008

I GIOVANI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELLE POLITICHE DI PARI OPPORTUNITÀ

Si è svolto lo scorso 8 novembre a Noto nella Sala degli Specchi di Palazzo Ducezio, l’incontro internazionale di diffusione in Italia del progetto “ Equità di Genere e Prevenzione della Violenza nei confronti delle Giovani Donne”. Il seminario, organizzato dal Gal Eloro (Partner esperto del progetto), ha visto la partecipazione dei partner italiani, francesi, e tunisini, con l’assenza della delegazione marocchina per motivi burocratici legati al rilascio dei necessari visti di espatrio. Sono intervenuti l’Assessore Provinciale alla Pubblica Istruzione Giuseppina Ignaccolo, il Sindaco di Noto Corrado Valvo, il Presidente del Gal Eloro Corrado Pagano, la Responsabile dell’Ufficio Pari Opportunità della Provincia Regionale di Siracusa Antonella Fucile, il Presidente dell’Associazione per lo Sviluppo Durevole e la Cooperazione Internazionale di Zarzis (Tunisia), Fayçal Dchicha, la Presidente dell’Associazione Gelsomino D’Oriente di Montpellier (Francia), Samia Khouaja, i giovani delle Associazioni Antiviolenza dei paesi coinvolti, Xavier Sys (Associazione Gelsomino D’Oriente - Montpellier), Chiara Pantò e Elisa Aloisi (Associazione ANDIT - Lentini), Francesca La Spada e Patrizia La Vecchia (Associazione La Nereide - Siracusa), il Direttore del Gal Eloro Sergio Campanella, e il Delegato dell’Unità Euromed Tunisia, Ammar Chikhi. Tematica principale dell’incontro la violenza nei confronti delle giovani donne. Con questo progetto, il tema dell’equità di genere è stato affrontato ridefinendone la dimensione culturale, realizzata attraverso il coinvolgimento di una pluralità di attori. I principali protagonisti di questa azione sono stati proprio i giovani, uomini e donne, appartenenti a realtà associative giovanili e di alcuni centri antiviolenza dei 4 paesi partner. I risultati hanno prodotto non solo un consolidamento del dialogo interculturale fra i giovani della regione euro-mediterranea ma, soprattutto, l’impegno concreto delle organizzazioni non governative ad una cittadinanza attiva che promuova politiche per la gioventù. Impegno che si basa sulla cosiddetta “Carta di Zarzis”, manifesto redatto dai 24 giovani che hanno lavorato al progetto e che sintetizza tutte le istanze che i giovani intendono portare avanti con la necessaria collaborazione delle Istituzioni sul tema della violenza nei confronti delle donne. L’Assessore Giuseppina Ignaccolo, ha sottoscritto assieme al Presidente del Gal Eloro, Corrado Pagano, il Protocollo d’Intesa nel quale i rappresentanti delle istituzioni dei 4 Paesi si impegnano a proseguire il percorso intrapreso partecipando attivamente alla rete Euro-Mediterranea creata. Il Delegato dell’Unità Euromed Tunisia, Ammar Chikhi, vista la positiva esperienza sviluppata, ha sottolineato l’importanza di questo progetto rispetto ai 14 approvati in seno al programma Euromed, invitando i rappresentanti tecnici e politici dei 4 Paesi partner a partecipare ai lavori di un convegno euromediterraneo di disseminazione delle buone pratiche del programma medesimo che si terrà a Tozeur (Tunisia) dal 26 al 29 dicembre 2008. In tale occasione, alla presenza di delegazioni dei 37 paesi dell’area euro mediterranea (27 UE + 10 MED), il progetto in questione sarà presentato come esperienza esemplare che ha prodotto risultati concreti, con una riflessione specifica sulle possibilità di prosecuzione dei lavori ad una rete più ampia di partner, nel quadro del prossimo programma Euromed IV, in fase di lancio per il 2009. Per maggiori informazioni, consultate il sito web www.prevention-violence.org


tgweb
 
 
 
 
 
Archivio notizie
 
 
 
video