HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > attività > notizie
Torna indietro
11-11-2008

Mercoledì 12 novembre alle 11, al “cimitero degli inglesi”, liturgia solenne in ricordo dei caduti di Nassiriya

NOTA CONGIUNTA DEI PRESIDENTI DEI CONSIGLI PROVINCIALE E COMUNALE Alle ore 10,40 del 12 novembre 2003 a Nassiriya (Iraq) perdevano la vita 19 italiani (17 militari e 2 civili), vittime di un attentato: un camion cisterna pieno di esplosivo veniva fatto scoppiare proprio dinnanzi la base italiana. La missione italiana, che prendeva il nome di “Antica Babilonia” era iniziata da appena quattro mesi, a seguito di una risoluzione dell’Onu (maggio 2003), che invitava gli Stati membri a contribuire alla rinascita dell'Iraq, favorendo la sicurezza del popolo iracheno e lo sviluppo della nazione. In quell’attentato perdono la vita, tra i diciannove, il brigadiere dei carabinieri Giuseppe Coletta, originario di Avola, e il caporal maggiore dell’esercito Emanuele Ferraro, originario di Lentini. Mercoledì 12 novembre 2008 alle ore 11 il presidente del Consiglio provinciale, Michele Mangiafico, e il presidente del Consiglio comunale di Siracusa, Edy Bandiera, invitano le istituzioni provinciale e comunale, i consiglieri comunali di tutta la provincia e la comunità siracusana a ricordare la memoria di questi uomini e più in generale delle vittime italiane di tutte le guerre con una liturgia solenne che sarà celebrata da Monsignor Alfio Inserra presso il “cimitero degli Inglesi”. In quell’occasione, i due presidenti depositeranno una corona alla croce con la volontà di assumersi l’onere della difesa della memoria di questi uomini, in nome e per conto delle istituzioni per servire le quali hanno perso la vita. La scelta del cimitero dedicato ai soldati inglesi, sbarcati nel luglio 1943 sulle spiagge a sud di Siracusa e uccisi insieme ai loro verdi anni, lega l’evento alla memoria della nostra storia e della nostra terra, dove altri uomini, di altre nazioni, hanno perso la loro vita per la nostra libertà. Michele Mangiafico, Edy Bandiera


tgweb
 
 
 
 
 
Archivio notizie
 
 
 
video