HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > attività > notizie
Torna indietro
11-09-2008

INSEGNANTI DI SOSTEGNO, CHIESTO INTERVENTO URPS

Il presidente del Consiglio provinciale, Michele Mangiafico, accompagnato dal consigliere Luciano Spicuglia, si è recato a Palermo, presso la sede dell’Urps, dove ha incontrato il presidente pro tempore, Gianfranco Antoci e il direttore Vincenzo Mongiovì. La richiesta è quella di inserire all’ordine del giorno della prima assemblea utile all’Urps, la questione relativa al taglio degli insegnanti di sostegno. Una problematica che sta molto a cuore al Consiglio provinciale di Siracusa, tanto è vero che, sull’argomento, proprio il consesso provinciale, nella seduta del 9 agosto scorso, ha approvato una mozione: “Il Consiglio provinciale – è scritto nella mozione approvata lo scorso mese – appreso della drastica riduzione delle cattedre per insegnanti di sostegno in provincia di Siracusa, che hanno visto a fronte di una richiesta di 1265 cattedre una assegnazione di sole 952, esprime tutta la propria preoccupazione e solidarietà nei confronti del mondo della disabilità e delle sue necessità, ritiene profondamente ingiusto il provvedimento che ha avuto origine dal ministero della Pubblica istruzione e indirizza il presidente della Provincia e l’assessore provinciale alla Pubblica istruzione a fare ogni sforzo affinché a fronte del prossimo inizio dell’anno scolastico il taglio di questi 313 posti venga rivisto, assegnando alla provincia di Siracusa quanto ad essa spetta a tutela degli alunni disabili, nella consapevolezza che l’attenzione per i più deboli distingue le società odierne sul piano della civiltà e che al comma 10 dell’art. 1 del proprio statuto la Provincia stessa è chiamata ad assicurare a tutti i cittadini uguali condizioni formative, rimuovendo ogni forma di discriminazione e di emarginazione con particolare riferimento ai soggetti più deboli”. “Siamo a Palermo – ha detto il presidente Mangiafico – perché vogliamo che questa vicenda venga trattata a livello regionale e soprattutto perché desideriamo che l’Urps inviti alla massima attenzione il presidente della Regione e il Ministro della Pubblica istruzione. Nel frattempo questa mozione la farò pervenire anche alle altre otto province siciliane. Siamo di fronte ad un allarme sociale che investe tante famiglie che potrebbero trovarsi senza sostegno e assistenza. La mobilitazione deve essere generale”.


tgweb
 
 
 
 
 
Archivio notizie
 
 
 
video