HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > attività > notizie
Torna indietro
15-10-2012

IL RICONOSCIMENTO DEL DISTRETTO TURISTICO TERRITORIALE “SIRACUSA E VAL DI NOTO” E’ UNA GRANDE OPPORTUNITA’ PER IL NOSTRO TERRITORIO.

A partire dalla data fatidica dello scorso 28 ottobre, quando la Provincia Regionale di Siracusa ha avviato il percorso con un atto deliberativo che ha visto l’adesione di sedici Comuni e numerose associazioni di categoria. C’è stato un primo stop provocato dalla norma che impediva ai Comuni con più di trentamila abitanti e meno di cinquantamila, di aderire a più società, che nella nostra provincia riguardava i Comuni di Avola e Augusta. Uno stop che ha provocato la modifica dell’atto costitutivo da società consortile ad associazione temporanea di scopo. Alla data di scadenza del bando non tutti i Comuni della nostra provincia avevano però aderito, fra gli autoesclusi spiccava il capoluogo. “A quel punto abbiamo lavorato su due fronti, – ha continuato il Presidente Bono - recuperare gli Enti pubblici territoriali che non avevano aderito, e seguire con crescente impegno l’iter approvativo che trovava difficoltà di accoglimento presso la Regione Siciliana e superne le difficoltà che nel frattempo erano state poste”. E’ necessario tenere conto che dal 2005, quando si pensò di istituire i Distretti turistici , ci sono 20 milioni di finanziamenti che aspettano di essere erogati. Non è da sottovalutare neanche il fatto che, rispetto ai Distretti Tematici quelli Territoriali avranno un ruolo più circoscritto e una più significativa ricaduta nel territorio. Ma l’aspetto più rilevante è che l’avvio dei distretti cambia radicalmente il sistema di gestione del settore e ogni progetto turistico passerà obbligatoriamente per i Distretti. Quindi i Comuni che non ne faranno parte e, soprattutto, gli operatori turistici di questi, rischiano di essere esclusi da ogni forma di programmazione, sia di carattere promozionale, che di investimento, oltre che per quanto riguarda le politiche dell’intrattenimento. Dal Distretto Turistico “Siracusa e il Val di Noto” oltre al capoluogo, sono rimasti fuori Carlentini ed i tre Comuni della zona Sud, Pachino, Rosolini e Portopalo di Capopassero. Il Presidente Bono ha quindi rivolto un pressante appello a chi è ancora fuori dal Distretto turistico: “La Regione non sarà in grado di erogare i finanziamenti prima dell’inizio dell’anno prossimo. Quindi chi è fuori dal Distretto turistico provinciale, ha ancora un margine di manovra temporale che deve sfruttare, altrimenti si rischia una marginalizzazione oggettiva, perché è la stessa legge istitutiva che la contiene, essendo ovvio che tutte le risorse, regionali, nazionali, Ue e di proprio bilancio saranno unificate e canalizzate unicamente nei Distretti turistici. Sarebbe un peccato se la provincia di Siracusa si muovesse in ordine sparso, rinunciando così ad una programmazione unitaria. E’ giunto il momento che ognuno si assuma le sue responsabilità perché se non si fa sistema si rischia di rendere vano ogni tentativo serio di fare Turismo”.


tgweb
 
 
 
 
 
Archivio notizie
 
 
 
video