HOME PAGE [0] | INTRANET | CREDITS | MAPPA | NORME E CONDIZIONI D'USO | CONTATORE | PEC | WEB MAIL | RESPONSABILE SITO
provincia.siracusa.gov.it > home page > notizie
Torna indietro
14-01-2013

BONO: INVITO ALLA REGIONE ALL’ISTITUZIONE DI TRATTE DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE A USO TURISTICO E AL RIPRISTINO DEL “TRENO DEL BAROCCO”.



Il Treno del Barocco.
Il Presidente Bono ha quindi inviato all’assessore regionale la “Proposta di modifiche e integrazioni al trasporto pubblico locale (TPL) nel territorio provinciale di Siracusa”, proprio allo scopo di migliorare l’attrattività e la fruizione turistica dell’intera provincia. A margine dell’iniziativa l’onorevole Bono ha dichiarato: “Sono da sempre convinto che la fortuna turistica di un territorio poggi innanzitutto sui servizi che in esso vengono offerti e che fanno la differenza sul piano della competitività. E’ quindi fuor di dubbio che tra i servizi, quelli relativi ai trasporti per la fruizione di un territorio sono fra i più richiesti. Per tali motivi abbiamo,da due anni, lanciato il progetto “Siracusa Provincia Aperta”, che consente a costi contenuti e trasparenti, con mezzi di autonoleggio con autista, di raggiungere qualunque sito naturale e culturale della Provincia, specie se localizzato in aree extraurbane. Con l’iniziativa presentata all’assessore Bartolotta poniamo due altri temi; e cioè, il primo la razionalizzazione di alcune tratte del trasporto pubblico urbano di collegamento tra alcuni Comuni, in un’ottica di migliore utilizzazione turistica; il secondo, l’esigenza di ripristinare il progetto riuscitissimo, specie dopo l’introduzione del pagamento del servizio, del “Treno del Barocco”, per il rilancio dei siti Unesco del Val di Noto. Grazie alla collaborazione dell’Università di Catania, e in particolare del professore Matteo Ignaccolo e del suo staff, abbiamo elaborato una serie di ipotesi di lavoro che, a costo zero per la Regione, semplicemente modificando gli orari di alcune tratte, ovvero istituendone di nuove, in sostituzione di altre che andrebbero soppresse in quanto inutilizzate dall’utenza, è possibile offrire collegamenti stabili fra Comuni che, in atto sono malserviti, o addirittura , affatto collegati. Basti pensare, ad esempio, all’inesistenza di collegamenti di trasporto pubblico locale tra Noto e Palazzolo Acreide, le uniche due città patrimonio dell’umanità Unesco per il Barocco della Provincia di Siracusa. L’altro argomento su cui il presidente Bono intende confrontrarsi con l’assessore Bartolotta, riguarda il ripristino de “Il Treno Barocco”. “Un’iniziativa che negli anni scorsi ha riscosso un grande successo e un ampio gradimento fra i turisti sia stranieri che italiani, oltre che tra i residenti, che mai erano stati messi nelle condizioni di visitare il patrimonio barocco delle due province di Siracusa e Ragusa in modo così gradevole e completo – ha continuato Bono -. Un progetto già sperimentato con grande successo, e che ha registrato il costante pienone in tutti i giorni di servizio, tanto da suggerire, piuttosto che la soppressione, la implementazione delle carrozze. L’utilizzo congiunto di mezzi con integrazione modale (ferro-gomma), oltre alla presenza delle guide in ogni città che spiegavano le bellezze artistiche e monumentali, ha rappresentato un’ottima offerta turistica e un elemento di attrattività per i visitatori, che hanno potuto raggiungere agevolmente tutti i siti barocchi più rappresentativi della nostra provincia e le mete Unesco di maggiore rilevanza culturale. La soppressione di tale progetto è illogica e penalizzante e costituisce un vero atto di autolesionismo in materia di sostegno all’economia, specie in un momento di crisi come quello che sta vivendo la Sicilia”.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Aiutaci a migliorare